skip to Main Content

Contributi all’Editoria: domande entro il 31 gennaio 2021

Dottore Commercialista
Revisore legale dei conti
Tutor Ente Nazionale Microcredito
E-mail: danieleorilia@2020revisione.it

Contributi Editoria 2021

Il Decreto Legislativo n. 70 del 15 maggio 2017, pubblicato sulla G.U. del 29 maggio 2017, ha ridefinito la disciplina dei contributi diretti alle imprese editrici di quotidiani e periodici, in attuazione dell’articolo 2, commi 1 e 2, della legge 26 ottobre 2016, n. 198.

Tale agevolazione ha come finalità il sostenimento delle attività editoriali di quotidiani e periodici, anche in versione digitale, sia a livello locale che nazionale in osservanza del principio di pluralismo dell’informazione.

Il contributo erogato comprende una quota di rimborso dei costi di produzione della testata e una quota per le copie vendute. E’ prevista anche una percentuale di rimborso per i costi sostenuti per le edizioni digitali secondo un meccanismo indicato al punto 5 e segg. dell’art. 8. Dlgs n. 70/2017.

Il 31 gennaio 2021 scade il termine per la presentazione delle domande di ammissione ai contributi diretti relativi all’anno 2020.

Vediamo brevemente i requisiti soggettivi ed oggettivi per poter presentare la domanda.

  • Soggetti Beneficiari

L’art. 2 del Dlgs n. 70/2017 elenca i soggetti interessati:

“Possono essere destinatarie dei contributi all’editoria le imprese editrici costituite nella forma di:

a) cooperative giornalistiche che editano quotidiani e periodici;

b) imprese editrici di quotidiani e periodici il cui capitale è detenuto in misura maggioritaria da cooperative,  fondazioni o enti senza fini di lucro, limitatamente ad un periodo di cinque anni dalla data di entrata in vigore della legge 26 ottobre 2016,  n.  198;

c) enti senza fini di lucro ovvero imprese editrici di quotidiani e periodici il cui capitale è interamente detenuto da tali enti;

d) imprese  editrici  che editano quotidiani e periodici espressione di minoranze linguistiche;

e) imprese editrici, enti ed associazioni che editano periodici per non vedenti e ipovedenti;

f) associazioni dei  consumatori e degli utenti che editano periodici in materia di tutela del consumatore, iscritte nell’elenco istituito dall’articolo 137 del Codice del consumo di cui al decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206;

g) imprese editrici di quotidiani e di periodici italiani editi e diffusi all’estero o editi  in Italia e diffusi  prevalentemente all’estero.

Le imprese editrici di cui al comma 1 possono richiedere il contributo per una sola testata,  fatte salve le imprese ed associazioni di cui alla lettera e)”.

  • Costi ammissibili

L’art. 8 del citato Decreto individua i costi ammissibili e i criteri di calcolo del contributo:

“1.Per le imprese editrici di cui all’articolo 2, comma 1, lettere a), b) e c), il contributo comprende una quota di rimborso dei  costi direttamente connessi alla produzione della testata e una  quota  per le copie vendute, secondo i  criteri  e  le  modalita’  indicati  nel presente articolo.

2. Sono ammessi al rimborso i seguenti costi connessi all’esercizio dell’attivita’ editoriale per la produzione  della  testata  per  la quale  si  richiede  il  contributo  nell’anno  di  riferimento   del contributo medesimo:

a) costo per il personale dipendente fino ad un importo  massimo di  euro  000  e  di  euro  50.000  annui   al   lordo   azienda, rispettivamente, per ogni giornalista e  per  ogni  poligrafico,  web master e altra figura tecnica assunti con contratto di lavoro a tempo indeterminato;

b) costo per l’acquisto della carta necessaria alla stampa delle copie  prodotte  nell’anno  di  riferimento,  costo  per  la   stampa comprensivo delle spese sostenute per la materiale riproduzione ed il confezionamento delle copie, costo per la distribuzione,  comprensivo delle spese per il trasporto, la spedizione o la domiciliazione delle copie in abbonamento;

c) costo per gli  abbonamenti ai notiziari delle agenzie di stampa, comprensivo  delle   spese   per   l’acquisto   di   servizi informativi, fotografici e  multimediali  forniti  dalle  agenzie  di stampa, con  esclusione  dei  servizi  editoriali  consistenti  nella predisposizione, anche parziale, di pagine della testata;

d) costo per l’acquisto e l’installazione di hardware, software di base e dell’applicativo per l’edizione digitale;

e) costo per la progettazione, realizzazione e gestione del sito web e per la sua manutenzione ordinaria ed evolutiva;

f) costo per la gestione e l’alimentazione delle pagine web;

g) costo per l’installazione di sistemi di pubblicazione che consentano la gestione di  abbonamenti a titolo oneroso, di aree interattive con i lettori e di piattaforme che   permettano l’integrazione con sistemi di pagamento digitali.

3. Per le voci di costo di cui alle lettere d), e), f) e g) per le quali, secondo la vigente normativa civilistica, e’ configurabile una procedura  di  ammortamento,  i  costi  rimborsabili  si  riferiscono esclusivamente  alla  quota  di  costo  imputabile  all’esercizio  di riferimento del contributo.

4. I costi individuati al comma 2 devono risultare dal bilancio di esercizio dell’impresa e sono rimborsabili ove i  relativi  pagamenti siano  effettuati  attraverso  strumenti  che ne consentano la tracciabilità,  quali  bonifico  bancario  o  postale,  servizi   di pagamento   elettronici   interbancari   ovvero    altri    strumenti equipollenti purchè idonei ad assicurarne la  piena  tracciabilità, anche se tali pagamenti siano effettuati nell’esercizio successivo  a quello  di  competenza  del  contributo. 

In  tal  caso  deve  essere evidenziata, nella certificazione del  prospetto  dei  costi  redatto secondo  le  modalità  indicate  nel  decreto  del  Presidente del Consiglio dei ministri di  cui  all’articolo  10,  la  corrispondenza contabile  con  i  pertinenti  costi  ammissibili  dell’esercizio  di riferimento  del  contributo. 

Le  spese  ammissibili per le quali risultano pagamenti parziali sono riconoscibili  nella  misura  degli importi pagati, ove effettuati con le modalita’ di  cui  al  presente comma”.

  • Modulistica

Sulla Piattaforma dedicata del Mise è scaricabile tutta la documentazione per la presentazione della domanda che si riepiloga di seguito:

  • Modello di domanda
  • Dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà per l’edizione in formato digitale in parallelo con l’edizione su carta
  • Dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà per l’edizione esclusivamente in formato digitale
  • Modello comunicazione coordinate bancarie

– Per l’Edizione in formato digitale in parallelo con l’edizione cartacea aggiungere:

  1. Prospetto dei ricavi relativi alla testata
  2. Prospetto dei costi per il personale
  3. Prospetto dei costi connessi alla produzione della testata
  4. Prospetto delle copie cartacee distribuite e vendute
  5. Prospetto delle copie digitali vendute
  6. Dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà sul rispetto del limite massimo retributivo
  7. Dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà ai fini dell’applicazione dei criteri incrementali

– Per l’Edizione testata esclusivamente in formato digitale aggiungere:

  1. Prospetto dei ricavi relativi alla testata
  2. Prospetto dei costi per il personale
  3. Prospetto dei costi connessi alla produzione della testata
  4. Prospetto delle copie digitali vendute
  5. Dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà sul rispetto del limite massimo retributivo
  6. Dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà ai fini dell’applicazione dei criteri incrementali
  • Modalità presentazione domanda

Come riportato sul portale del Mise, la domanda va presentata entro il 31 gennaio 2021 (anno successivo a quello di riferimento del contributo 2020) utilizzando la procedura on line accessibile sulla piattaforma per la gestione dei contributi implementata dal Dipartimento.

A tal fine, tutte le imprese che intendono presentare domanda di contributo devono richiedere le credenziali di accesso alla piattaforma inviando il modulo di richiesta, debitamente compilato, all’indirizzo PEC: die.contributidiretti@pec.governo.it.

Entro lo stesso termine del 31 gennaio 2021, deve essere altresì inviato, a cura e spese dell’editore, un campione dei numeri della testata all’indirizzo:

Presidenza del Consiglio dei Ministri
Dipartimento per l’informazione e l’editoria
Ufficio per il sostegno all’editoria
Servizio per il sostegno diretto alla stampa
UFFICIO ACCETTAZIONE
Via dell’Impresa 90
00187 – Roma

Nel caso di domanda presentata per la prima volta, è necessario inviare anche le copie della rivista relative alle due annualità precedenti a quella della domanda.

Entro il termine del 30 settembre 2021 va presentata, secondo le medesime modalità di invio della domanda, l’ulteriore documentazione prevista dall’articolo 2, commi 4 e 5, del D.P.C.M. 28 luglio 2017 ovvero l’intera documentazione indicata dal medesimo articolo 2 se non prodotta unitamente alla domanda.

Per un maggiore approfondimento della procedura si rinvia al portale del Mise al seguente indirizzo.

Si consiglia di consultare anche le relative FAQ.

Daniele Orilia
Back To Top
Cerca
La riproduzione è riservata!