skip to Main Content
Area Utenti           Abbonamenti

Bando ISI INAIL 2020: in arrivo oltre 210 Milioni di Euro

Bando ISI INAIL 2020

Prende forma il Bando ISI INAIL 2020 a seguito alla pubblicazione sulla Guri del 30 novembre 2020 dell’estratto dell’Avviso pubblico.
Entro il 26 febbraio 2021 si conoscerà la data di apertura e di chiusura della procedura informatica per la compilazione delle domande.

Nella sostanza dei fatti il Bando ISI INAIL 2020, in attuazione del comma 6 bis, articolo 95, d.l. n.34 del 19 maggio 2020, ha sostituito in tutto e per tutto il Bando ISI 2019.
Il suddetto Bando ha vissuto un iter a dir poco travagliato, passando dalla sospensione all’annullamento.
E’ rimasto deluso chi si aspettava una dotazione finanziaria più sostanziosa, purtroppo nel CDA del 4 novembre 2020,

 l’Istituto non ha potuto fare altro che confermare gli stessi importi dell’anno precedente.

COME FUNZIONA

La dotazione finanziaria pari ad € 211.226.450,00 è suddivisa in 19 Avvisi regionali e 2 Avvisi dedicati alle province autonome di Trento e Bolzano.

A seconda del tipo di intervento sono stati definiti 4 Assi di finanziamento:

1.1 – Progetti di investimento tesi alla riduzione o all’eliminazione di svariati tipi di rischio quali chimico, rumore, vibrazioni, biologico, caduta dall’alto, sismico.
1.2 – Progetti tesi all’adozione di sistemi di gestione della salute e della sicurezza sul lavoro, di un modello organizzativo gestionale o di responsabilità sociale.
2 – Progetti tesi alla riduzione o all’eliminazione del rischio MMC (movimentazione manuale dei carichi)
3 – Bonifica di materiali contenenti amianto
4 – Investimenti per micro e piccole imprese operanti nei settori della Pesca (Ateco 2007 A03.1) e della Fabbricazione dei Mobili (Ateco 2007 C31)

A CHI SI RIVOLGE
Possono richiedere il contributo tutte le imprese iscritte alla competente C.C.I.A.A., con esclusione di quelle operanti nel settore della produzione primaria dei prodotti agricoli già destinatarie dei contributi attraverso il bando ISI Agricoltura 2019-2020.
Esclusivamente per l’Asse 2 possono presentare la domanda anche gli enti del terzo settore regolamentati dal decreto legislativo 117 del 2017 successivamente modificato dal decreto legislativo 105 del 2018.

AMMONTARE DEL CONTRIBUTO
Sugli Assi 1, 2, 3 è concesso un contributo in conto capitale nella misura del 65% per un massimo erogabile pari a 130.000,00 Euro ed un minimo ammissibile pari a 5.000,00 Euro.
Per l’Asse 4 è concesso un contributo in conto capitale nella misura del 65% per un massimo erogabile pari a 50.000,00 Euro ed un minimo ammissibile pari a 2.000,00 Euro.

Back To Top
Cerca
La riproduzione è riservata!