Callout piè di pagina: contenuto

Infortunio Covid-19: Responsabilità civile e penale per le aziende

Maria Antonella Pera

Commercialista
Revisore legale dei conti
Gestore della Crisi da sovraindebitamento
Consulente Bancario

Infortunio Covid-19: Responsabilità Civile E Penale Per Le Aziende
image_pdf

Responsabilità civile e penale per le aziende

Sul tema della responsabilità civile e penale per le aziende, per le infezioni da Covid-19, di cui è accertata l’origine professionale, l’INAIL ha voluto precisare, in un apposito comunicato stampa  che “non c’è necessariamente corrispondenza tra i criteri applicati dall’istituto per il riconoscimento di un indennizzo a un lavoratore infortunato e quelli che valgono in sede penale e civile, dove l’eventuale responsabilità del titolare dell’azienda deve essere rigidamente assicurata mediante il riscontro dell’inganno o della colpa del datore di lavoro”

L’ammissione del dipendente contagiato alle prestazioni assicurative INAIL, non ha alcuna rilevanza nè per sostenere l’accusa in sede penale, nè in sede civile.

Inoltre “la diversità del modo del contagio e il cambiamento delle prescrizioni da adottare nei luoghi di lavoro, che sono oggetto di continui adeguamenti da parte degli organi istituzionali sulla base dell’andamento del Covid-19, rendono alquanto difficile configurare la responsabilità civile e penale dei datori di lavoro”.

La circolare INAIL del 3 aprile affermava già che l’ambito della tutela riguardava innanzitutto gli operatori sanitari, esposti ad un elevato rischio di contagio. Tale contagio, aggravato, diventa specifico. Per tali soggetti vige, quindi, la supposizione semplice di origine professionale.  Ma ad una condizione di alto rischio di contagio possono essere ricondotte anche altre attività lavorative che comportano il costante contatto con il pubblico/utenza. Ad esempio: lavoratori che operano in front-office o alla cassa, addetti alle vendite, banconisti ed altri.

Anche per queste figure vige il principio della presunzione semplice, valido per gli operatori sanitari. In base alle istruzioni per la trattazione dei casi di malattie infettive e parassitarie, la tutela assicurativa si estende, infatti, anche alle ipotesi in cui l’identificazione delle precise cause e modalità lavorative del contagio si presenti problematica. In situazioni più dubbie sulle cause precise del contagio in occasione di lavoro, l’identificazione potrà essere accertata con le ordinarie procedure medico-legali dell’Istituto.

Visualizzazioni: 32

© Riproduzione Riservata
image_pdf
Maria Antonella Pera
Pulsante torna in alto
×cerca
Cerca
La riproduzione è riservata!