skip to Main Content

Modello RLI 2022: dall’Agenzia delle Entrate novità ed istruzioni

Dottore Commercialista - Revisore Legale dei Conti
Giornalista pubblicista
Email: annagianturco@2020revisione.it

Rli

Le novità al modello sono contenute nell’aggiornamento dell’Agenzia delle Entrate del 25 gennaio 2022.

Le modifiche riguardano la casella relativa ai casi particolari e il paragrafo relativo alla rinegoziazione del canone d’affitto.

E’ assolutamente necessario allegare l’atto di rinegoziazione in caso di aumento del canone di locazione.

Modello RLI

Il modello “Registrazione Locazioni Immobili”, acronimo RLI, serve per richiedere, agli uffici dell’Agenzia delle Entrate, la registrazione dei contratti di locazione e affitto di immobili nonché i relativi adempimenti successivi.

La sua compilazione è richiesta anche per esercitare l’opzione e la revoca della cedolare secca.

Tale modello va utilizzato anche per i seguenti adempimenti successivi alla registrazione:

  • La proroga di contratti di affitto;
  • Eventuali cessioni o subentri;
  • Risoluzioni di un contratto di locazione;
  • Rinegoziazione del canone d’affitto.

Novità del modello

Nell’ipotesi di rinegoziazione con aumento del canone di locazione, si deve tener conto delle novità inserite nell’Aggiornamento del Modello “Richiesta di registrazione e adempimenti successivi – contratti di locazione e affitto di immobili” – modello RLI (ai sensi del punto 2 del provvedimento del 19 Marzo 2019).

I cambiamenti riguardano le pagine 3,6 e 7 delle istruzioni

Alla pagina 3, alla fine del paragrafo “Casella casi Particolari”, è eliminata la frase “nel caso di modifica del canone non si è tenuti all’allegazione dell’atto di rinegoziazione”.

Alla pagina 6, invece, è sostituito l’ultimo paragrafo relativo alla rinegoziazione del canone.

E’ inserito il seguente testo: “ in caso di rinegoziazione del canone (codice 8 nella casella “adempimenti successivi”) vanno compilate le caselle del “Quadro A- Dati generali”: ”Tipologia di contratto”, “Durata”, “Importo del canone “ e, se previsti, “Pagamento intera durata”, “Casi particolari” ed “Esenzioni”.

Devono essere compilate, inoltre,

  • la SEZIONE I: Registrazione – Rinegoziazione canone”;
  • la SEZIONE II: Adempimenti successivi”, indicando la tipologia di regime già previsto per il contratto originario e oggetto di rinegoziazione, la data d’inizio rinegoziazione, la data di fine proroga o cessione o risoluzione o subentro o canone rinegoziato, il nuovo canone rinegoziato e i riferimenti del contratto;
  • la SEZIONE III: riguardante il richiedente e il quadro E se si sta modificando un contratto di locazione in cui alla registrazione è stato previsto, per una o più annualità, un canone differente (codice 3 nella casella “casi particolari”).

Alla pagina 7 è inserita la seguente voce: “in caso di aumento del canone di locazione deve essere allegato l’atto di rinegoziazione”.

In questo articolo abbiamo focalizzato l’attenzione sulle principali novità dell’aggiornamento Agenzia delle Entrate sopra descritto.

Per la compilazione dei restanti righi o quadri, le istruzioni sono facilmente reperibili sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Modalità e Termini di presentazione del modello RLI

Tutti i contratti di locazione e affitto beni immobili devono essere obbligatoriamente registrati dall’affittuario (conduttore) o dal proprietario (locatore), qualunque sia l’ammontare del canone pattuito entro il termine perentorio di 30 giorni dalla data di stipula o dalla sua decorrenza, se anteriore.

Il contratto di locazione può essere registrato:

  • utilizzando i servizi telematici dell’Agenzia attraverso il software “modello – RLI web” disponibile gratuitamente sul sito dell’Agenzia delle Entrate. Questa  procedura è obbligatoria per gli agenti immobiliari e i possessori di almeno 10 immobili; è facoltativa per tutti gli altri contribuenti, purchè abilitati ai servizi telematici.
  • richiedendo la registrazione presso un ufficio dell’Agenzia delle Entrate, compilando il modello RLI cartaceo.
  • incaricando un intermediario abilitato (professionisti, associazioni di categoria, Caf, ecc.) o un delegato.
Anna Gianturco
Back To Top
Cerca
La riproduzione è riservata!