Callout piè di pagina: contenuto

PA – Con l’app “IO” al via la transizione digitale dei servizi pubblici

Daniele Orilia

Dottore Commercialista
Revisore legale dei conti
Tutor Ente Nazionale Microcredito
E-mail: danieleorilia@2020revisione.it

PA – Con L’app “IO” Al Via La Transizione Digitale Dei Servizi Pubblici
image_pdf

Il progetto IO (io.italia.it), importante pilastro che ha accelerato l’avvio della «Transizione Digitale» del Governo Italiano, è stato ideato e sviluppato dal Team per la Trasformazione Digitale e oggi gestito da PagoPA S.p.A. con l’obiettivo di facilitare l’accesso dei cittadini a tutti i servizi digitali della Pubblica Amministrazione e ai diritti che questi servizi garantiscono.

Tale iniziativa è stata realizzata attraverso IO, l’app dei servizi pubblici: mediante il quale tutti gli Enti, locali e nazionali (Comuni, Regioni, agenzie centrali) offrono i propri servizi al cittadino, in modo semplice e personalizzato, direttamente su smartphone.

Lo strumento, IO rende concreto l’articolo 64bis del Codice dell’Amministrazione Digitale (Decreto Legislativo 7 marzo 2005, n. 82) che istituisce un unico punto di accesso per tutti i servizi digitali erogato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri.

La vera innovazione è che con IO, sono le diverse amministrazioni a contattare il singolo utente tramite un’unica app, consentendogli di gestire operazioni legate a uno specifico servizio in modo rapido, puntuale e sicuro, comodamente dal proprio smartphone.

L’idea alla base di IO: mettere le persone al centro del processo di innovazione della Pubblica Amministrazione, coinvolgendo i cittadini nello sviluppo delle piattaforme digitali di cui saranno i fruitori.

Piattaforma Open Source

IO è un progetto concepito interamente open source, basato su processi di sviluppo aperti e collaborativi, per cui:

  • tutto il codice delle componenti, tutta la documentazione, le discussioni e gli strumenti di sviluppo sono pubblici e facilmente reperibili, così come l’interfaccia è progettata seguendo le linee guida e usando i kit proposti da italia.it
  • chiunque lo desideri e ne abbia le competenze, può dare il proprio contributo, integrando queste risorse o proponendo miglioramenti.

Le principali funzionalità

Grazie a IO, ogni cittadino può accedere alle funzioni comuni dei servizi pubblici di tutti gli Enti di suo interesse (nazionali e locali) integrati sull’app. Tra cui:

  • ricevere messaggi e comunicazioni da un ente, con la possibilità di archiviarle
  • ricordare e gestire le proprie scadenze verso la Pubblica Amministrazione ( carta d’identità, permesso ZTL, bandi per iscrizione ai nidi…), aggiungendo i promemoria nel proprio calendario personale con un clic
  • ricevere avvisi di pagamento, con la possibilità di pagare servizi e tributi ( Bollo Auto, TARI, mensa scolastica, multe…) dall’app in pochi secondi (direttamente dal messaggio o tramite scansione QR dell’avviso cartaceo) portando sempre con sé lo storico delle operazioni e le ricevute di pagamento
  • [prossimamente] ottenere certificati, notifiche e atti pubblici, da conservare nel proprio smartphone
  • [prossimamente] avere sempre a disposizione i propri documenti personali in formato digitale (codice fiscale, patente, tessera sanitaria…)

Sicurezza e Privacy

  • Per iniziare a usare IO, ogni cittadino deve registrarsi all’app con un’identità digitale forte, per garantire la propria identità in maniera sicura e inequivocabile agli Enti che erogano i servizi di suo interesse.
  • Il cittadino deve, quindi, autenticarsi con le proprie credenziali SPID o, in alternativa, con la Carta d’Identità Elettronica (CIE) abbinata al PIN che il cittadino riceve al momento del rilascio della nuova carta, e che garantisce che possa essere l’unico ad utilizzarla (anche in caso di furto del documento).
  • il cittadino non deve più registrarsi a ogni singolo servizio e ripetere la registrazione con gli stessi dati sui diversi siti della Pubblica Amministrazione: è sufficiente che gli Enti conoscano il codice fiscale del cittadino, per raggiungerlo direttamente tramite l’app.
  • A tutela della privacy, aggiornando le proprie preferenze nell’app, il cittadino può scegliere in ogni momento quali servizi possono contattarlo tramite IO, quali messaggi ricevere, e come riceverli (via mail, dentro l’app o tramite le notifiche push del telefono).

L’integrazione dei servizi pubblici

  • Tutti gli enti pubblici, locali e centrali, possono portare i propri servizi liberamente su IO: è semplice e veloce.
  • Sul sito dell’app italia.it sono disponibili tutte le informazioni e una Guida in quattro passaggi per aiutare le Pubbliche Amministrazioni a cogliere questa opportunità.
  • IO integra pagoPA, che permette di pagare in maniera rapida e intuitiva dall’app: salvando in modo sicuro i propri metodi preferiti (carte di credito e, presto, anche bancomat, paypal, etc..) e usandoli ogni volta che servirà un pagamento verso lo Stato. Con l’app il cittadino può pagare qualunque avviso cartaceo emesso nel circuito pagoPA, inquadrando semplicemente il QR code riportato sul bollettino.

 Le tappe principali e i prossimi traguardi nell’evoluzione dell’app, sono descritti sul sito di IO nella Roadmap di sviluppo

Visualizzazioni: 90

© Riproduzione Riservata
image_pdf
Daniele Orilia
Pulsante torna in alto
×cerca
Cerca
La riproduzione è riservata!