Callout piè di pagina: contenuto
Area Utenti           Abbonamenti

BREXIT 2021: le novitĂ  IVA per le imprese italiane (parte 2)

Luca Santi

Dottore Commercialista, Revisore Legale e Mediatore Professionista.
Oltre all’attività “ordinaria” contabile e fiscale e di controllo di gestione, è specializzato in Consulenza su Operazioni di riorganizzazione e risanamento societario e di Tutela e protezione dei patrimoni personali. Inoltre è specializzato nella Difesa del contribuente durante tutte le fasi del contenzioso tributario.
E-mail: luca.santi@studiosanti.it

BREXIT 2021: Le NovitĂ  IVA Per Le Imprese Italiane (parte 2)
image_pdf

Introduzione

Il presente intervento, che segue quanto giĂ  scritto in un precedente articolo, va ad analizzare e, quindi a concludere, sempre dal punto di vista operativo, i restanti scenari relativi alle prestazioni di servizi verso il Regno Unito e viceversa.

Come già anticipato le prestazioni di servizi, sia B2B che B2C, che dovranno qualificarsi come territorialmente rilevanti in Italia sulla base delle disposizioni dettate dall’art. 7 e seguenti del DPR IVA che prevedono la controparte in paese extra-UE.

Segnaliamo fin d’ora che le variazioni intervenute sul tema a seguito dell’uscita del Regno Unico dall’Unione non vano a modificare le regole note. Infatti, se non in alcune ipotesi particolari, la rilevanza territoriale ai fini IVA di una prestazione di servivi non muta, posto che il criterio di qualificazione del corretto regime da applicare varia a seconda che il prestatore o il committente siano stabiliti o residenti oppure il luogo di utilizzo si trovi entro i confini del territorio dello Stato o fuori dagli stessi.

La complessa disciplina IVA

Relativamente ai servizi, occorre preventivamente ricordare che la disciplina IVA all’art. 7-ter DPR 633/72 TerritorialitĂ  – prestazioni di servizi, prevede una regola generale valida per i servizi generici, prevedendo poi all’art. 7-quater delle deroghe “assolute” (a prescindere dalla qualificazione del committente), all’art. 7-quinquies sia deroghe “assolute” che “relative” (su servizi forniti nei confronti di taluni committenti non soggettivi passivi) ed agli articoli 7-sexies, 7-septies e 7-opties ulteriori deroghe relative.

L’Agenzia delle entrate, nella circolare 37/E/2011 ha precisato poi che, per la corretta applicazione delle regole di territorialità, ed in particolare quella prevista per i servizi “B2B” rilevano tre circostanze:

  • lo status di soggetto passivo del committente;
  • il committente deve agire nella qualitĂ  di soggetto passivo d’imposta per la specifica prestazione;
  • luogo di stabilimento del committente.

Prestazioni di servizi generici

L’art. 7-ter detta che le prestazioni di servizi si considerano effettuate nel territorio dello Stato quando sono rese a soggetti passivi stabiliti nel territorio dello Stato e quando sono rese a committenti non soggetti passivi da soggetti passivi stabiliti nel territorio dello Stato.

(ITALIA ——> UK) BUSINESS

Prestazioni di servizi generici rese da un prestatore italiano soggetto passivo nei confronti di un committente soggetto passivo IVA inglese (B2B)

AttivitĂ \scenarioAnte BrexitPost Brexit
Regime IVAOperazioni fuori dal campo di applicazione dell’IVA in Italia, posto che il soggetto passivo Iva inglese non è stabilito nel territorio dello Stato, con la dicitura “inversione contabile” art. 21 c. 6-bis DPR IVAOperazioni fuori dal campo di applicazione dell’IVA in Italia, posto che il soggetto passivo Iva inglese non è stabilito nel territorio dello Stato, indcando in fattura la dicitura non soggetta art. 21 c. 6-bis DPR IVA
Controlli – Documentazione

Verifica iscrizione VIES soggetto passivo Inglese

 

il prestatore italiano è tenuto a comprovare lo status di soggetto passivo d’imposta del committente inglese facendosi inviare prova documentale rilasciata dall’Autorità competente
Soggetto passivo Italiano: incombenze

Deve compilare modello INTRA 1-quater (prestazione di servizi intracomunitari) art. 50 D.L. 331/93.

Deve includere l’operazione nella comunicazione delle operazioni transfrontaliere (art. 1 c.3bis D.Lgs. 127/2015)

Deve includere l’operazione nella comunicazione delle operazioni transfrontaliere (art. 1 c.3bis D.Lgs. 127/2015).
(UK ——> ITALIA) BUSINESS

Prestazioni di servizi generici rese da un prestatore inglese nei confronti di un committente soggetto passivo IVA italiano (B2B)

AttivitĂ \scenarioAnte BrexitPost Brexit
Regime IVAIl prestatore italiano è tenuto ad applicare l’imposta dovuta mediante inversione contabile, a norma dell’art. 17 co. 2 secondo periodo del DPR IVA, integrando la fattura ricevuta dal prestatore inglese.Il prestatore italiano è tenuto ad applicare l’imposta dovuta mediante inversione contabile, a norma dell’art. 17 co. 2 secondo periodo del DPR IVA, integrando la fattura ricevuta dal prestatore inglese.
Soggetto passivo Italiano: incombenze

Deve compilare modello INTRA 1-quater (prestazione di servizi intracomunitari) art. 50 D.L. 331/93.

Deve includere l’operazione nella comunicazione delle operazioni transfrontaliere (art. 1 c.3bis D.Lgs. 127/2015)

Deve includere l’operazione nella comunicazione delle operazioni transfrontaliere (art. 1 c.3bis D.Lgs. 127/2015).

Nel caso invece in cui uno dei 2 soggetti sia un cittadino privato, quindi per le prestazioni “B2C”, nelle quali il committente non è un soggetto passivo d’imposta, l’operazione si considera rilevante nel Paese del prestatore. Pertanto avremo:

 

(ITALIA ——-> UK) CONSUMER

Prestazioni di servizi generici rese da un prestatore Italiano nei confronti di un committente privato inglese (B2C)Attività\scenarioAnte BrexitPost BrexitRegime IVAIl prestatore italiano è tenuto ad applicare l’IVA con aliquota italiana applicando la normativa IVA del Paese nel quale è stabilito il soggetto passivo che rende il servizio.Il prestatore italiano è tenuto ad applicare l’IVA con aliquota italiana applicando la normativa IVA del Paese nel quale è stabilito il soggetto passivo che rende il servizio.Soggetto passivo Italiano: incombenzeDeve includere l’operazione nella comunicazione delle operazioni transfrontaliere (art. 1 c.3bis D.Lgs. 127/2015)Deve includere l’operazione nella comunicazione delle operazioni transfrontaliere (art. 1 c.3bis D.Lgs. 127/2015).

Visualizzazioni: 102

© Riproduzione Riservata
image_pdf
Luca Santi
Pulsante torna in alto
×cerca
Cerca
La riproduzione è riservata!